top of page

Suor Matilde Mendolia

Esattamente un anno fa, Piana degli Albanesi ha pianto Suor Matilde Mendolia. Una suora che tutti ricordiamo con grande affetto perchè vi ha trascorso tantissimi anni. Nel settembre del 1973 era stata trasferita dalla Casa Generalizia di Palermo al Collegio di Maria di Piana degli Albanesi, dove è rimasta fino alla sua morte.

Tutti la ricordiamo con affetto perchè è stata la responsabile della scuola materna del Collegio contribuendo alla educazione di tanti bimbi di Piana. Suor Matilde è stata anche una grande appassionata dei nostri canti tradizionali e suonava l'organo.

Per ricordare Suor Matilde ho scelto di pubblicare un articolo scritto da un giornale di Isnello perchè credo che tante persone conoscessero Suor Matilde ma che poche ne conoscessero la vita.

Vorrei ringraziare il signor Salvatore Mendolia, fratello di Suor Matilde per avermi permesso di attingere a queste notizie.


Salvatore Vasotti

©️ visitpiana.com




Il Collegio di Maria d’Isnello, fu fondato dal vescovo mons. Castelli il 23 luglio 1763 con la cooperazione del sac. Tommaso Sideli. Il 25 dello stesso mese Mons. Castelli assegnava al Collegio di Maria la chiesa di S. Francesco che proveniva dall’abolito Convento dei Frati Conventuali. L'apporto del sac. Sideli fu ben quattro vocazioni di cui due sorelle (Maria Gaetana e Maria Tommasa) e due nipoti (Sr. Maria di Gesù e sr. Maria Daniela). La prima superiora fu sr. Antonina del S. Bambino. Le attività secondo lo storico C. Virga. Il Collegio di Maria e stato sempre ritenuto un punto di riferimento spirituale, religioso e sociale. Avevano una loro scuola frequentata dalle ragazze per acquistare la “patente” equivalente al diploma magistrale. Le suore curavano la preparazione alla Prima Comunione, i corsi di ricamo, esperti anche nei lavori al telaio. Per sopravvivere si dedicarono alla confezione dei dolci (corna, mucatoli, taralle, torroncini. ossa di morti, rametti con miele ... ). E’ stata la prima pasticceria d’lsnello a cui si ricorreva nelle feste di battesimi e matrimoni. La svolta decisiva avvenne il 4 luglio 1964 con l’arrivo di due giovani suore: Sr. Rachele come superiora e e Sr. Maurilia come maestra di taglio, cucito e ricamo. Le giovani dimostravano stima, simpatia e interesse per le suore. In questo periodo si è avuto la gioia di celebrare una suora centenaria Sr. Elena morta all’età di 103 anni.

In questo clima maturò la vocazione di Maria Mendolia che prese il nome di Matilde. Era nata a Isnello il 16.10.1938 da Antonino e da Gerardi Nicolina, la settima di dieci figli. Abitava nella prima casa dell’ex via Collesano. I suoi familiari rimasero a Isnello lino al 1975 dopo questa data si sono trasferiti a Campofelice. A 28 anni nel clima di grande fervore e attività che godeva il Collegio di Maria d’Isnello sentì la chiamata del Signore. La sua risposta fu immediata e generosa e nel 1966 entrò nel Collegio di Maria d’Isnello per farsi suora. Vi rimase fino al 1969. Poi la madre Generale la chiamò a Palermo nella Casa Generalizia di via Borgo Nuovo. Qui vi rimase fino al 1973. Sono anni di formazione e di studio. Conseguì il diploma di insegnante di scuola materna e di musica e canto. Qui fece anche la sua professione solenne che chiuse il suo sì definitivo al Signore. Le attività della Casa Generalizia furono il suo primo campo di lavoro dove espresse le sue capacità educative come insegnante, come catechista e come animatrice del canto liturgico. Per il suo zelo si meritò la stima dì tutta la comunità e dei ragazzi. Il 10 settembre viene trasferita a Piana degli Albanesi in provincia di Palermo e qui vi rimase fino alla morte avvenuta il 22.03.2020 all'età di 82 anni. Era voluta molto bene dai suoi familiari e il fratello Salvatore, l'unico ancora in vita dei familiari. ha voluto che fosse seppellita nella tomba di famiglia a Campofelice.

Sr. Matilde chiude la serie numerosa delle suore collegine isnellesi.

NOTE LEGALI

Questo sito ed il relativo blog non rappresentano una testata giornalistica in quanto vengono aggiornati senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Il sito visitpiana.com ha lo scopo di promuovere il patrimonio culturale e territoriale di Piana degli Albanesi. Molte immagini pubblicate, che non rientrano tra quelle di nostra proprietà provengono dal patrimonio condiviso in rete degli appassionati della Sicilia. Questo sito web non ha alcun fine di lucro, chi ravvisasse una possibile violazione di diritti d'autore può segnalarlo qui e provvederemo alla tempestiva rimozione del contenuto specifico.

bottom of page